Grande DFC

Su queste pagine arrivano tante persone. La maggior parte educate e civili. Per fortuna ci siamo evitati gli ammiratori di Lapo che si sono sfogati su Liberoblog.
Alcuni pensano che io sia di destra, perche’ mi bisticcio con Beppe Grillo e il suo popolo di No Global dell’informatica, altri pensano che io sia di sinistra perche’ non perdo occasione per parlar male di ubellusconi. Dopo un po’ si incazzano tutti. Quelli di destra perche’ scoprono che io sono un vecchio comunistone e quelli di sinistra perche’ io a questo governo non perdo occasione per farlo come la carne macinata.
Cari camerati e cari compagni, lasciatevi dire una cosa e lasciatevela dire con la serenita’ di un uomo che con quello che scrive e con quello che dice non ci deve mangiare. Se ancora credete che in Italia ci sia una destra ed una sinistra, lasciate un commento con la vostra Email, poi ci penso io. Vi mando a prendere con una bella macchina bianca, con le lucine lampeggianti blu, perche’ siete da ricovero.
Con la moderazione che mi ha sempre contraddistinto voglio dirvi che oggi, in Italia, ci sono solo due partiti, quello degli inculanti e quello degli inculati. Ecco, se credete ancora alla destra e alla sinistra, siete sicuramente nel secondo. Gli inculanti passano la giornata a fere le voci, a bisticciarsi in televisione, a scriversi l’uno contro l’altro articoli di fuoco. La sera poi tutti appuntamento al ristorante. Cena insieme, stornellata e grandissimo puttan tour. Ma non quello che fai tu, caro compagno o caro camerata. Il loro puttan tour non e’ di quelli puramente oftalmici, che si concludono con un consesso carnale con Federica la mano amica. Il loro e’ operativo, concludente. E non devono nemmeno pagare.
Io credo che sia finito il tempo di farsi inculare con queste divisioni da squadra di oratorio. Mi sono rotto il cazzo di bisticciare con un altro povero disgraziato come me solo perche’ lui pensa che Fini sia una persona per bene. Sono stanco di andare a votare turandomi il naso. Mi e’ diventato viola il naso, non lo posso nemmeno piu’ toccare. Quello che voglio fare e che faro’ sara’ di votare contro il partito degli inculanti. Quando compariranno in televisione cambiero’ canale, se si bisticciano tra di loro non ne parlero’ con gli amici, se fanno promesse non gli credero’ piu’. E siccome il partito degli inculanti ha molti iscritti anche tra normali cittadini come me, dichiarero’ guerra anche a loro. Se uno non mi vuol fare la ricevuta gli faro’ la spia alla guardia di finanza. Se mi sorpassera’ sulla corsia di emergenza chiamero’ la stradale. Se scopro che ha l’esenzione ticket e una gioielleria gli buttero’ tante bestemmie che gli verra’ una malattia pesante. Insomma, ci sono solo due partiti, quelli che vogliono rifare l’Italia e quelli che l’Italia se la vogliono fare. E prima di farsela, e Dio lo sa che sto parlando seriamente, mi dovranno stendere secco.
Se siete d’accordo fate un po’ di propaganda. Fate girare la voce. Non perdiamo tempo dietro alle cazzate. Incominciamo ad ignorarli, disertiamo i loro dibattiti e facciamo come i cani seri che non perdono tempo ad abbaiare. Mordiamo.

p.s. Vedete a cosa mi sono ridotto per le figure. Per trovare qualche italiano di cui essere orgoglioso veramente, mi e’ toccato tornare al risorgimento.

Tratto da dfc blog

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.