governo sconfitto, mediaset vola in borsa

L’impennata delle azioni dopo il voto: il ddl Gentiloni in forse per i broker
Guadagno importante per il titolo in difficoltà da numerose sedute

Governo sconfitto, Mediaset vola in Borsa
in netto rialzo le quotazioni del Biscione

<B>Governo sconfitto, Mediaset vola in Borsa<br />in netto rialzo le quotazioni del Biscione</B>‘ src=’http://www.repubblica.it/2007/02/sezioni/economia/mediaset-vola/mediaset-vola/ansa_9761927_34080.jpg’ width=200><!-- fine FOTO1 --> </DIV><!-- inizio TESTO --><BR><B>MILANO –</B> Il Governo esce sconfitto dal voto al Senato, e Mediaset vola in Borsa. Nonostante la chiusura negativa di Piazza Affari. Il titolo del Biscione, che a metà seduta ‘galleggiava’ (+0,17% a 9,035 euro) poi, in seguito allo scacco subito dalla maggioranza di Governo, è risalito aggiornando in continuazione i massimi infraday fino ad un top di 9,265 (+2,71%). <BR><BR>Alle 16.15 il titolo guadagnava già il 2,55% a 9,25. Intensificati anche i volumi passati da 1,8 mln di metà seduta ai 7,2 mln di pezzi contro 4,8 mld di media giornaliera nell’ultimo mese. Per chiudere infine con un rialzo dell’1,35%. <BR><BR>Secondo un operatore il rialzo sarebbe favorito dal ritorno delle speculazioni in vista di una eventuale caduta del Governo che rimetterebbe in discussione il ddl Gentiloni sulla riforma del sistema radiotelevisivo, giudicato notoriamente penalizzante dal mercato. ‘Chi negli ultimi tempi ha venduto il titolo o alleggerito le posizioni, oggi -aggiunge il broker- trova lo spunto per rientrare ad un prezzo ancora ben al di sotto dai target attorno a 10/10,50 euro che circolavano prima di Natale sulle prospettive di crescita della pubblicità’. <BR><!--inserto--> <DIV class=ad-box><!-- OAS AD


A fare da contraltare all’impennata Mediaset il calo di Capitalia – il primo azionista di piazzetta Cuccia – di cui ha beneficiato Mediobanca. E si è ritornati a pensare a una nuova battaglia per il controllo di Mediobanca. Proprio Capitalia (-2,04%), il cui patto di sindacato è chiamato domani a deliberare sul ritiro delle deleghe all’ad Matteo Arpe, ha vissuto una giornata all’insegna di una accentuata volatilità.

(21 febbraio 2007)

 

fonte: repubblica.it

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.