Micciche’ e la cocaina

I carabinieri ricostruiscono la vicenda di Alessandro Martello
‘Nelle intercettazioni telefoniche si parla del viceministro’
Droga al ministero, i verbali
‘Cocaina consegnata a Miccichè’
Ma l’accusato si difende: ‘C’è qualche deviato nella polizia’

ROMA – Poche righe scritte con lo stile burocratico delle carte giudiziarie per dire che la persona alla quale Alessandro Martello aveva consegnato la cocaina al ministero delle Finanze dovrebbe essere il viceministro Gianfranco Miccichè. Lo testimoniano anche le intercettazioni telefoniche. I carabinieri non hanno dubbi: quel giorno nel palazzo di via XX settembre il collaboratore nella campagna elettorale siciliana di Forza Italia, il ‘conoscente’ (come lo ha sempre e solo definito Miccichè), l’uomo che entrava e usciva senza che nessuno lo fermasse stava portando droga al viceministro.

Ecco le parole dell’informativa consegnata alla procura della Repubblica di Roma: ‘Circa l’individuazione della persona alla quale Alessandro Martello ha consegnato la cocaina, l’attività informativa posta in essere ha permesso di ipotizzare che questi possa identificarsi verosimilmente in Gianfranco Miccichè, nato il primo aprile del 1954, sottosegretario di Stato all’Economia e finanze. Comunque anche questa volta la consegna è avvenuta all’interno di un edificio e quindi si è stati impossibilitati ad assistere alla cessione’.

Un’ipotesi che secondo gli investigatori sarebbe suffragata da un’intercettazione di un colloquio telefonico tra Luca Antinori e Massimo Galletti, due delle persone arrestate, che ‘è intercorso subito dopo che quest’ultimo ha consegnato la droga, che Antinori ha poi portato direttamente a Martello’. Nella conversazione riportata Antinori, facendo riferimento alla consegna fa un riferimento al ‘viceministro’.

Miccichè, in un’intervista al Tg2, si è difeso attaccando: ‘Sicuramente all’interno di qualche organo di polizia c’è qualche persona deviata che sta puntando a ottenere risultati diversi da quelli che il suo contratto d’onore con l’Arma gli aveva fatto prendere’.

Nella deposizione spontanea resa di fronte ai magistrati da Miccichè ‘non c’è stato assolutamente alcun riferimento’ all’informativa, precisa lo stesso viceministro. ‘La procura, nell’ordinanza di custodia che aveva fatto per le persone implicate non aveva fatto praticamente riferimenti precisi proprio perché non li riteneva verosimili. Il comportamento della procura -osserva – mi sembra molto corretto’.

Eppure i verbali dei carabinieri raccontano un’altra storia: ‘La conferma dell’avvenuta vendita di un congruo quantitativo di cocaina (verosimilmente 20 grammi), con il successivo passaggio alla ‘personalità’, si ha alle ore 22 e 27, dello stesso giorno quando Antinori cerca di contattare Martello che è però irreperibile’. Antinori cerca Martello per avere notizie sulla riscossione dei soldi della vendita. Una ricerca spasmodica che è dimostrata anche dal messaggio che Luca Antinori lascia sulla segreteria telefonica di Martello: ‘Alessà hai superato i limiti. Te li porto a casa e lui te sfonna il c… a te e agli amici tua!!!’ I carabinieri spiegano: ‘Antinori è evidentemente preoccupato del fatto che, a sua volta, dovrà procedere in tempi ristretti al pagamento della partita di cocaina verso i suoi fornitori, che non ammettono evidentemente ritardi’.

E in un altro messaggio, lasciato sempre sulla segreteria telefonica di Martello, sollecita: ‘Bisogna dare i soldi a quello che è incazzato!’. Il giorno successivo, i carabinieri annotano: ‘Molto probabilmente il pagamento da parte di Martello, nelle mani di Antinori, è avvenuto il giorno dopo…in un bar sito in piazza Campo dè Fiori…’

Nel corso di un’altra conversazione intercettata tra Antinori e Martello del 12 aprile si torna a parlare del ‘capo’ del giovane palermitano. Miccichè ha sempre ribadito che non ci sono rapporti professionali tra lui e Martello. Quest’ultimo risponde: ‘Non lo so perché e partito, sta a Palermo (la città di Miccichè ndr), infatti i soldi li ho dovuti mettere io’. I carabinieri commentano: ‘Si chiarisce, in tale dialogo, che la droga era destinata al ‘capo’ di Alessandro Martello. Si percepisce altresì che tale superiore in quei giorni si trova a Palermo e che il denaro è stato anticipato, per lui, dallo stesso Martello’.

E ancora: ‘Il fatto che il giorno 10 aprile 2002 Martello è stato visto entrare all’interno del ministero dell’Economia e delle Finanze senza essere in alcun modo fermato per l’identificazione da parte del personale di servizio preposto, fa dedurre che in quel luogo questi è conosciuto’.

(9 agosto 2002)

 

Fonte: repubblica.it

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.