Autore pedofilo?

Bufera sull’inventore di ”Solletico”: oggi lavora per la tv dei vescovi

C’è anche un autore televisivo molto noto, inventore di trasmissioni ”cult” sui piccoli e grandi problemi dei bambini come Solletico per la Rai, tra le persone accusate dell’orrore di Rignano Flaminio. Gianfranco Scancarello, 56 anni, oggi firma con Cesare Lanza Buona Domenica ed è il creatore e il deus ex machina di Unoperuno, la trasmissione pomeridiana sul canale dei vescovi Sat2000 che tutti i giorni, da anni, affronta le difficoltà degli adolescenti. ”Io e mio padre”, era il tema della puntata di ieri.
”È un’imputazione agghiacciante, per rispetto suo e della magistratura non facciamo commenti. Siamo sicuri che Gianfranco riuscirà a dimostrare presto la sua estraneità, e per ora ci limitiamo a questo: vogliamo prima capire”, dice Cesare Lanza, aggiungendo solo lodi: ”Io lo chiamo ”il Centrocampista” perché è uno che conosce tutto di questo mestiere, e che sa fare qualsiasi cosa: il tecnico, la scrittura, i video… un grandissimo professionista”.
Proprio la tv dei ragazzi era il suo pane quotidiano, ed è questo che oggi suona più stridente nell’arresto per pedofilia. Un curriculum importante, in cui figura anche la docenza all’università Cattolica. E quando c’era da parlare in pubblico del rapporto difficile tra informazione e infanzia, lui era il primo a essere chiamato: dall’incontro dell’Ucsi (la stampa cattolica) del Lazio su ”media e ragazzi”, al corso ”media, valori, educazione” del Dipartimento di pedagogia della Cattolica. E nel 2003 era uno degli esperti di tv pedagogica nel ”Rapporto tra minori e programmi tv” dell’Authority per le telecomunicazioni. […]

Fonte: Repubblica.it

— Barbara Monea

 

Fonte: uaar.it

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.