legge sul testamento biologico made in vaticano, che vergogna.

Testamento biologico: pronto il disegno di legge Buttiglione

Verrà presentato tra qualche giorno alla Camera il disegno di legge per il testamento biologico e le tematiche di fine vita, composto da 25 articoli e con primo firmatario Rocco Buttiglione. Il testo, alla cui stesura hanno collaborato anche teologi, è stato visionato in Vaticano, che lo ha ritenuto ”non in contrasto” col magistero.
Prevede che si possa rifiutare per iscritto l’intervento chirurgico con cui viene inserita la cannula che fornisce idratazione e alimentazione artificiali, che non potranno essere però interrotte, a meno di infezioni. Viene inoltre data la facoltà di scrivere un documento con le indicazioni anticipate. Al momento del ricovero il medico registra tali dichiarazioni, ma deve certificare se non contrastino con la legge e con la sua etica professionale. Vietata l’eutanasia (anche ”attraverso condotte omissive”, ovvero sospensione dell’alimentazione) ed ”ogni forma di assistenza o di aiuto al suicidio”.
Si possono comunque rifiutare le cure sproporzionate rispetto alle prospettive di recupero o successo, anche se ciò comporta accelerazione del decesso. Nel caso in cui il medico, nell’attuare la terapia del dolore o accompagnare verso la fine della vita, provochi o acceleri il decesso, non commette omicidio: questo punto in particolare è uno di quelli più dubbi per il Vaticano.
Il paziente può nominare anche un fiduciario e dargli istruzioni nel caso in cui non potesse esprimersi: ma il rifiuto di una terapia salvavita rimane ”atto personalissmo che non può in nessun caso essere delegato”. L’idratazione e l’alimentazione artificiale non sono ritenuti ”terapia”, ma semplici ”ausili”: l’operazione che comporta l’impianto della cannula invece è una ”terapia”.

fonte: uaar

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.